Psicoenergetica- Nuovo modello

Blocchi terapeutici psicosomatici (1)


Relazione del Dr.med.Reimar Banis durante la Settimana medica 1998.

Riassunto


I disturbi psicosomatici, nella prassi generale, sono cause importanti dei blocchi terapeutici. Da medici della medicina naturale (metodo naturale di cura) siamo troppo propensi d'incolpare, a causa di questi disturbi, altri „colpevoli“ – carichi da amalgami, parassiti, endobionti ecc., con i quali spesso con insistenza lottiamo, e che poi, a causa dell’entusiasmo personale terapeutico non notiamo il retroscena del nostro paziente. La scoperta dei disturbi psichici è legata spesso con gran consumo di tempo e la terapia spesso non è soddisfacente. Per questo è comprensibile perché la psicosomatica nella prassi generale biologica viene spinta nell’ombra. Secondo un nuovo sistema di test, sviluppato da mia moglie e da me, è possibile scoprire in breve tempo i conflitti psicosomatici e venire a conoscenza dei contenuti incoscienti del conflitto. Vorrei presentarVi, per sommi capi, questo nuovo sistema di test. Per questa ragione ho messo a punto i preparati energetici di cura (preparati emozionali) per la terapia dei disturbi psicosomatici. Questi preparati, stando alle esperienze fatte fino ad ora, possono alleviare sistematicamente e duraturo, e di curare i disturbi psichici. Sulla scorta dei casi della nostra prassi, vorrei presentare in modo chiaro questo nuovo metodo.

Introduzione


Le malattie psicosomatiche sono di grande importanza nella nostra prassi di tutti i giorni, nello studio del medico di medicina universale. Gli uomini soffrono a causa della morte dei propri vicini, a causa dei bisticci in famiglia, incomprensioni sul posto di lavoro, del matrimonio in crisi e a causa di molti altri problemi interni ed esterni, che allora giacciono „nell’anima“. Sono tutto i casi nei quali si riconoscono chiaramente le cause e quando tutti quando si trovano in situazioni simili, e sono strutturati come un dato paziente, patirebbero ugualmente. Quello che c'interessa come terapeutici è la misura adeguata dei disturbi psichici, – diciamo dopo la morte di parente vicino: se il paziente soffre troppo a lungo o brevemente, e tormenta se stesso diventa non produttivo e nega in modo ragionevole, senza permettere di vedere le sensazioni esistenti del tormento?Invece, nel secondo gruppo esistono molte persone, con le quali non possiamo capire perché il paziente soffre. Non possiamo scoprire la causa per le sofferenze del paziente – neppure in seguito a visita clinicamente basata, in laboratorio, alla visita radiologica, neppure in occasione dell’analisi della situazione vitale del paziente.Di solito, la situazione in simili casi reagisce frustrando i terapeutici ed i pazienti. Come medici che curano mediante preparati naturali, per fortuna, riusciamo a „pescare“ un dato numero di pazienti, i quali „hanno qualche cosa“: focolaio nei denti, sovraccarico da amalgami, funghi nelle interiore e disbiosi (Dysbiosen), geopatie e simili („Io le sono molto grato, perché in fondo lei ha scoperto tuttavia qualche cosa, perché non è possibile che me l'inventi“). Alla fine restano tuttavia, molti pazienti i quali sono psicosomaticamente e psichicamente ammalati. Si tratta, negli studi dei medici che curano con metodo naturale, di un 60-70 percento, quanto ne esistono nello studio del loro collega della medicina scolastica, i quali nulla sanno della radiazione della terra e dei sintomi simili alla depressione, oppure della debolezza nevrastenica per disbiosi – perché pure, un gruppo considerevole.La terza variante degli ammalati psichici, formano coloro che soffrono di „malattia riconosciuta“ – ad esempio, cancro, quelli che soffrono psichicamente ed emozionalmente in modo impossibile ad essere sentito. Questa terza variante si può intendere anche come sottogruppo di quelli che psichicamente soffrono per motivo visibile, ma non in modo adeguato. Come medico con il problema di stabilire la diagnosi, vorrei che questa terza variante venisse sistemata come gruppo marginale, perché non è piccolo il gruppo di pazienti, nei quali la malattia fisica letteralmente allontana l'attenzione del medico dal superamento insufficiente psichico della malattia - –il modo come l’enorme montagna di „cancri“ copre la minore, secondaria montagna di „depressioni larvate“. Il radiologo SIMONTON è uno fra i primi che ha capito che il superamento psichico della malattia può essere decisivo per il processo di risanamento.Se qualcuno soffre di „accoramento ritardato“, come viene detto tecnicamente, noi, attraverso e conversazioni empiriche renderemo più facilmente possibile il superamento psichico della mestizia e muoveremo nuovi contenuti vitali. Ciò vale anche per il terzo gruppo di pazienti, i quali non possono psichicamente superare con successo certe malattie ed hanno pertanto il bisogno della conversazione, la quale offre l’appoggio, mentre il secondo gruppo è costituito da coloro i cui dolori non hanno manifestazioni esterne – pazienti tipici per la psicoterapia. Si suppone, ad esempio, che si tratto d'errato sviluppo del carattere, per causa di traumi provenienti dalla infanzia. Qui però insorgono grandi problemi: solo un piccolo numero di pazienti è adatto per la psicoterapia. Neppure la somministrazione continua di psicomedicamenti calmanti, d'anti – depressivi al gruppo che non si può analizzare, non rappresenta una soluzione permanente.

(1) A presentation by Reimar Banis, M.D. at the Medical Week 1998 Baden Baden / Germany

Test del plexus vegetativo e preparati emozionali.


Per questi tre gruppi d'ammalati psicosomatici fino ad ora abbiamo avuto nello studio per la cura naturale scientifica oltre alla conversazione, allenamento autogeno, prima di tutto le piante medicinali di Bach (fiori) i mezzi omeopatici di gran potenza, preparati psicoterapici come kava – kava, baldrian ed alcuni altri metodi energetici, quali l’agopuntura, terapia con i colori, Mora – con una certa influenza sulle malattie psicosomatiche – ma nella maggior parte di pazienti con azione insufficiente o senza azione duratura.Nella ricerca di una terapia biologica a maggiore azione, ho trovato, attraverso i test di maggiore durata, i mezzi omeopatici complessi: noi li abbiamo spontaneamente chiamati „preparati emozionali“ (Emvita 1 ), perché essi in primo luogo agiscono a livello emozionale. In questo modo si è avuta la possibilità di trattamento dei conflitti psichici a livello di penetrazione profonda e col tempo di risolverli.Ma per poter curare (trattare), abbiamo bisogno di una diagnosi pratica della malattia psicosomatica onde non „muoverci nel buio“. Nei test energetici delle malattie psicosomatiche in primo luogo ho sperimentato con le chakre vegetative, perché, secondo l’esperienza, la „si nasconde“ il conflitto psichico. Conosciamo il modo d'esprimersi, come ….“mi mangia il fegato“ (in tedesco „rabbia allo stomaco“) dopo di che seguono i disturbi del plexus solare. Secondo l’esperienza, le sensazioni sono più di frequente collegate agli organi ed evidentemente cercano determinate regioni dell’organismo e delle chakre vegetative, per la loro manifestazione.Pertanto, se qualcuno soffre in senso psichico – emozionale, ciò si manifesta fisicamente: nei casi di rabbia e di rancore il più spesso nel plexus solare, la cui gestione vegetativa è compromessa, che come conseguenza può avere l’ulcera dello stomaco e coliche biliari. Quante volte, interprendo logicamente lo stato psicosomatico dei fatti, sbagliamo: perché anche l'Helicobacter pylori, quale batterio provoca l’ulcera dello stomaco, oppure porta alla formazione di calcoli biliari nel caso delle persone a ciò predisposte („4F“: female, fat, fourty, fertile), e coliche biliari. Quindi, non tutti hanno le coliche biliari con „la rabbia nello stomaco“, anche l’ulcera. E viceversa, la rabbia può provocare l’infarto cardiaco, mal di testa o di qualche altra cosa. Quindi è difficile, o quasi impossibile che nei singoli casi intraveda il collegamento psicosomatico (la causalità). Su questo terreno insicuro non esistono valori di laboratorio od altre indicazioni di fiducia di quello che si sta svolgendo nel paziente. Il paziente così e così sa niente di quello che in modo recondito sta succedendo in lui, perché i problemi psichici sono subcoscienti e sui parenti si produce l’influenza soggettiva.Pertanto, quando possedessimo un metodo energetico di misurazione per le sensazioni nascoste, sarebbe ciò un vantaggio grande. Ho già menzionato che esistono nuove terapie dei problemi psicosomatici come „preparati emozionali“, i quali molto promettono. Questi 28 preparati emozionali , evidentemente su livello diagnostico, rispondono esattamente e comprendono determinate sensazioni complesse nascoste.In modo che noi per mezzo dei test, separando il preparato il rispettivo preparato emozionale, possiamo riconoscere il problema non sentito che s'associa al medesimo. Bisogna conoscere bene il paziente per poter prendere visione di dietro alla sua facciata psichica, onde essere approssimativamente sicuri che un determinato complesso della sensazione corrisponde a questo paziente – e questo, pare, sia il fatto sul quale ci si può appoggiare. Vale a dire: eseguendo il test su un determinato preparato emozionale, per la prima volta veramente sappiamo se il problema è, diciamo, „la rabbia nello stomaco“.Invece, se conosciamo il genere di sensazioni nascoste del paziente, ancora sempre non sappiamo nulla circa la qualità di queste sensazioni: se sono enormi, e con ciò per il paziente rappresentano un problema esistenziale e molto acuto, se sono pienamente subcoscienti, od il paziente conosce già, il loro contenuto, se queste sensazioni sono addirittura archetipiche e fortemente ripetitive. Se questi nodi della sensazione - – in seguito del testo li indicherò come „capsule del conflitto“ psichico a causa del loro addensamento isolato nel corpo energetico - – addirittura a causa della propria grandezza ed importanza bloccando tutto il sistema della sensazione. A tutte queste domande, possiamo rispondere mediante il test dei livelli energetici del paziente, e mediante il test dei medesimi preparati emozionali, che sono per così dire rappresentativi per la capsula del conflitto.(2) For more details please contact :Rubimed AG, Grossmatt 3, CH-6052 Hergiswill, Switzerland, phone 0041 41 630088 8 fax 0041 41 630088 7 or E-Mail info@rubimed.com More info also on the Webpage www.rubimed.com .

Test dei quattro livelli energetici


Sulla base dell’altezza dell’amplitudine e secondo il contenuto, tradizionalmente si differenziano quattro livelli energetici: eterico (vitale), astrale (emozionale), mentale (cosciente) e causale (carmico, ovvero archetipico). Il livello più basso della forza vitale pura corrisponde all’etere. I Cinesi parlano di Ch’i, gli Indiani di Prana, Noi chiamiamo qualcuno vitale e pieno di forza, colui che possiede molta di quest'energia. Il secondo per altezza dell’amplitudine il livello astrale, corrisponde alle sensazioni nella regione subcosciente delle sensazioni, le quali nella psicosomatica maggiormente c'interessano. Segue poi il livello della ragione e alla fine il livello „carmico“ od il contenuto della figura del mondo, i quali danno la massima amplitudine e per questo agisce in modo fortemente strutturando, ma è ancora sempre prevalentemente subcosciente.

Diagram
Figura 1. Amplitudini energetiche del livello secondo il Dr.med.Reimar Banis/Dieter Jossner (biofisico)

I livelli energetici dell’uomo menzionati – noti dalla tradizione Yoga – sperimentalmente si possono ripartire in quattro settori di frequenza nelle correnti cerebrali (EEG): livello eterico – o vitale con livello Delta più basso (1 – 3,5 Hz), livello dell'esaltazione e sonno profondo, livello emozionale – con frequenza Teta (3,5 – 7 Hz) sogni e fantasia, livello mentale – con frequenza Alfa (7 – 14 Hz), i quali corrispondono allo stato rilassato sveglio, livelli causali – con frequenza Beta (14 – 30 Hz) che compaiono durante l’attenzione tesa (V.fig.1).Per mezzo del nuovo apparecchio per il test, denominato Reba ® che ho costruito assieme all'ingegnere per il laser ed il biofisico Jossner, questi quattro livelli dell’energia presso il paziente si possono riconoscere e determinare. Se un livello sarebbe maggiormente bloccato (ad es.: tramite conflitti subcoscienti psichici), tanto sarebbe meno misurabile il settore di frequenza - – „la larghezza del nastro“ del livello bloccato si restringerà. Con la guarigione, la larghezza del nastro ridiventa normale. Secondo Jassner l’azione fisica dell’apparecchio Reba per il test consiste nel fatto che – queste frequenze – mediante processo – scoperto già da Tesla – della modulazione longitudinale delle amplitudini vengono modulate sulla miscela rispettiva del supporto. Allo stesso tempo, dalla nota omeopatica „struttura energetica“ delle rispettive composizioni dei medicamenti, per mezzo di fotoni vengono forniti d'energia e trasferiti.Con questa scala abbiamo ottenuto quattro livelli energetici, ugualmente come nel caso del tachimetro nell’autovettura, qualche cosa come indicato per l’energia vitale pura, sensazioni, pensieri e leggi del pensiero (immaginazione, figure del mondo). La domanda successiva che viene posta è: cosa possiamo iniziare con questa scala e cosa si scopre la stessa al riguardo dell’energia del paziente. Quando per la prima volta entriamo in un'autovettura e guardiamo il tachimetro, al momento non sapremo cosa significa l’indicazione 50 oppure 100km. Quindi abbiamo il bisogno di un confronto con la realtà. L’apparecchio Reba ® per il test produce lo spettro polifrequente delle vibrazioni elettromagnetiche, suddivise in quattro parti e nel quadro di queste parti si trovano i pulsanti di comando su schiacciamento. In questo modo il paziente, con il proprio campo energetico entra nella risonanza con „fruscio“ costante di diversa frequenza, che viene prodotto nell’apparecchio e per mezzo di un cavo porta fino al paziente. Empiricamente possiamo osservare che durante l’applicazione d'alcuni dei metodi energetici (cinesiologia, vegatest, RAC, EAV ecc.) il nostro paziente ha reagito solo una volta su ognuno dei quattro livelli energetici: pienamente basso su uno dei quattro livelli energetici, se su uno di questi livelli si è sentito male, e pienamente in alto, se si è sentito bene (suddivisione delle scale a 100%, dove lo 0% indica lo stato cattivo e il 100% lo stato buono).Test dei conflitti psichici subcoscienti
Con l’aiuto dei quattro livelli descritti di vibrazione, abbiamo una buona vista dello stato energetico del paziente:1. quanta energia vitale possiede il paziente?
2. quanto è emozionalmente aperto o bloccato?
3. come si sente al livello mentale?
4. quanto è aperto o bloccato causalmente (livello profondamente subcosciente)?Questi quattro risultati dei test hanno un valore inestimabile sia per la stima dello stato momentaneo del nostro paziente, che per l’osservazione dell’ulteriore sviluppo. Così, ad esempio, qualcuno può sentirsi molto spossato e avere bassi valori emozionali della misurazione, cosa questa che si verifica nel caso di depressioni larvate e somatizzanti di grande aiuto.
Per mezzo dell’apparecchio per il test possiamo misurare il decorso della cura ed il suo risultato e in questo modo di poterlo individuare. Intanto, il tipo di cura in realtà non è sostanziale: ogni azione sui meccanismi psicosomatici può essere misurata. Per mezzo delle scale energetiche vediamo se il paziente sta meglio e se i suoi conflitti psichici diminuiscono o sono addirittura scomparsi. Pertanto, per la prima volta possiamo misurare le psicoterapie con i suoi effetti, ugualmente così anche le psicoterapie corporali come ad es.: la bioenergetica od il processo raffinato come lo può essere l’agopuntura. Anche se il paziente, o noi come conduttori della terapia siamo scoraggiati, di dietro alla quinta possiamo dimostrare il successo della cura ed in questo modo vediamo se saremmo sulla strada buona. Invece, se dopo un mezzo anno di terapia ha ancora circa gli stessi valori della terapia come in precedenza, a lui questo tipo di cura non è sufficiente, – e dobbiamo riconoscere questo. Lo stesso vale anche viceversa quando si tratta di valori considerevolmente migliori, quando il paziente desidera ritirarsi e noi gli possiamo dire che la sua terapia tuttavia agisce e che gli rimane solo d'avere pazienza.Secondo la nostra esperienza e stima la cosa migliore e più efficace nel caso di questo procedimento è che per mezzo dei preparati emozionali per la prima volta possiamo curare energeticamente il conflitto psichico e gradualmente eliminarlo. Inoltre esiste anche la possibilità affascinante la cui importanza ancora non si può valutare, che per la prima volta possiamo misurare l’intensità e la coscienza della presenza del conflitto. Per questo ci servono ampolle – test speciali le quali energeticamente, come con la lente d'ingrandimento aumentano il conflitto tanto estremamente, che per mezzo dell’apparecchio Reba © misuriamo esclusivamente il conflitto medesimo. Quindi, con molta esattezza possiamo misurare quanta forza vitale, la quale in sostanza è stata tolta al paziente, contiene il conflitto e che, oltre alla distonia vegetativa è la causa principale che il nostro paziente si senta male. Oltre a questo, possiamo misurare anche la scala mentale della coscienza della presenza del conflitto. E con risultati del test del livello causale possiamo arrivare a risultati affascinanti, quanto il conflitto diventerebbe abitudine. Questa formazione dell’abitudine nella patopsicologia ha naturalmente un gran significato per la resistenza del conflitto e in gran parte è identico a quello che nella psicanalisi si chiama „resistenza“.Il test del conflitto psichico incosciente in sostanza è molto semplice: esistono 28 preparati emozionali (vedere l’illustrazione 2) i quali, a quanto pare, praticamente coprono tutti i conflitti sostanziali coscienti (test della scatola Rubimed). A questi preparati omeopatici complessi, i quali agiscono sull’incosciente profondo, sono pervenuto puramente in modo empirico mediante test di lunga durata. Questi 28 preparati emozionali (denominati Emvita ©) sono congiunti, in numero diverso, a centri vegetativi determinati. Abbiamo già menzionato la rabbia, la quale per legge „attacca“ il plexus solare mediante un certo modo di parlare dell’organo. Questo „complesso solare“ energeticamente appartiene alla terza chakra. La rabbia la troviamo nel preparato emozionale numero 9 (esplosione, rabbia, ira) che organotropicamente appartiene al fiele.

L’illustrazione 2 – Preparato emozionale (Emvita C) con i propri sintomi principali


Chakra 1:
1. Stato emozionale: autonomia
2. Stato emozionale: mancanza di concentrazione
3. Stato emozionale: consegna
4. Stato emozionale: autosuperamento estremoChakra 2:
5. Stato emozionale: febbrile, agitato
6. Stato emozionale: persistenza
7. Stato emozionale: finta forzaChakra 3:
8. Stato emozionale: isolamento
9. Stato emozionale: esplosione
10. Stato emozionale: desiderio d'avere di più
11. Stato emozionale: fameChakra 4:
12. Stato emozionale: ipertensione psichica
13. Stato emozionale: ritiratezza
14. Stato emozionale: chiusura in se stesso
15. Stato emozionale: spavento
16. Stato emozionale: panicoChakra 5:
17. Stato emozionale: vuoto emotivo
18. Stato emozionale: rabbiaChakra 6:
19. Stato emozionale: spavento, pusillannità
20. Stato emozionale: soddisfatto in se stesso
21. Stato emozionale: ipertensione psichica
22. Stato emozionale: irrequietezza
23. Stato emozionale: tensione
24. Stato emozionale: indisposizioneChakra 7:
25. Stato emozionale: sfiducia
26. Stato emozionale: porre „avere“ al di sopra di „essere“
27. Stato emozionale: non desiderare di vedere la realtà
28. Stato emozionale: pensiero erratopreparato omeopatico complesso: si rilascia esclusivamente in farmacia, in flaconi da 30ml OPRubimed, dosaggio 2x12 gocce sotto la lingua.

Durante i test dei preparati emozionali, si è dimostrato giustificato che, come prime vengono sottoposto a test le sette chakre (Chavita C in scatole per test della fabbrica Rubimed), semplicemente perché un determinato conflitto psichico disturba sempre anche al settore vegetativo rispettivo. Se una determinata chakra in test reagisca occorre che ancora vengano sottoposti a test i preparati emozionali di tale chakra/invece di tutti i 28 preparati. Nella terapia d'aggiungere i mezzi della chakra rispettiva (Chavita C). Durante il dosaggio di 2x12 gocce sotto la lingua un flacone da 30ml è sufficiente per 4 settimane, sufficiente nella maggior parte da casi.L’azione del preparato emozionale , per esperienza, non è tanto visibile come nel caso delle erbe medicinali, semplicemente perché agisce su strati psichici più profondi. I „Flower remedies“, sviluppati dal collega inglese Dr.Bach, corrispondono, secondo la nostra esperienza, alla reazione dell’incosciente sulla problematica del proprio conflitto, quindi più sull’attività della difesa e sono più vicini alla coscienza e per questo la loro azione il paziente la sente in modo più chiaro. L’azione delle erbe medicinali, la descriverei come una breve scopertura del coperchio della pentola con acqua bollente: la liberazione del contenuto del conflitto porta al paziente, è vero, un breve sollievo, ma non anche una vera risanamento. Sembra che solo i preparati emozionali influiscono sullo stesso conflitto e in numerosi casi lo risolvono durevolmente. Da quanto detto risulta che le erbe medicinali sono un'integrazione eccezionale dei preparati emozionali – ugualmente come tutti gli altri procedimenti energetici stabilizzanti.I critici esprimono volentieri le proprie eccezioni che i preparati emozionali non possono sostituire la psicoterapia e la conversazione con medico. Naturalmente, ciò non è l’intenzione; – per di più, la prassi dimostra che molti pazienti, con la propria apertura psichica, quale conseguenza dell’uso dei preparati emozionali, accendono ai propri problemi psichici in modo più aperto. Conosciamo molti colleghi che s'occupano della psicoterapia, i quali hanno accettato molto volentieri l’applicazione della terapia concomitante con le erbe medicinali, la quale ha significativamente facilitato il loro lavoro analitico, e in questo modo anche a me hanno concessi il proprio appoggio. In misura ancora più grande delle erbe medicinali i preparati emozionali aiutano nell'elaborazione dei problemi profondi psichici in modo psicoterapico. Contrariamente a ciò, abbiamo avuto anche numerosi pazienti i quali in maniera molto forte negano qualsiasi componente psichica nell’insorgere delle loro malattie, però, con l’assunzione dei preparati emozionali, tuttavia vengono risanati „in tale senso“.Esempi della prassi
Sulla base d'alcuni casi della prassi vorrei presentare il nuovo metodo:Rassegnazione
Il Signor A.W., 55 anni d'età, ingegnere in pensione, simpatico, persona tranquilla, di costituzione fisica robusta, soffre di malattia cardiaca coronaria con by-pass incorporato 8 anni prima. Già in precedenza esistevano i disturbi permanenti del tono cardiaco che gli facevano paura e ai quali si sentiva abbandonato. Allo stesso modo si sentiva abbandonato ai problemi permanenti con le donne: la sua moglie, in fase di divorzio, gli aveva mandato addirittura un killer, il quale per poco non l'evitato. L’amica di molti anni recentemente è morta di carcinoma, dove egli era solo un osservatore senza poter esserle d'aiuto. Delle erbe medicinali gli va bene solo il „Crab Apple“: egli ritiene che momentaneamente gli sia di disturbo le insonnie che a causa della situazione finanziaria molto grave, il fatto d'essere di nuovo solo ed il terrore che gli arredi la sua ex moglie a causa del divorzio, si sente molto irascibile e allo stesso tempo incapace d'aiutarsi – come preparato emozionale gli va bene il numero 3 („rassegnazione“) che molto bene riflette la sua difficile situazione. Dopo l’assunzione del preparato dichiara di sentirsi molto più rilassato, e suo agio e la paura è scomparsa.
Istinto per l’acquisto con tendenza alla smoderatezza malata
Il Signor M.R., 33 anni d'età, celibe, impiegato, negli attacchi del vuoto interno, acquistava le creazioni più recenti dei profumi quantità enormi. A causa dei debiti così accumulati, il paziente li deve restituire lavorando due volte di più e ciò può durare anche più anni. La madre, presso la quale il paziente è cresciuto, l'aiuta mediante dotazioni finanziarie e tenta di risolvere il problema. Il suo padre naturale è un alcolico (possibile l’identificazione segreta nel senso di terapia familiare di Helinger: la mania degli acquisti – alcolismo). Il paziente che sembra molto adattabile e sempre sereno, soffre, secondo lo psicanalitico da noi ingaggiato, per consigli, di disturbi della precoce maturazione con stati di paura e struttura incline alla smoderatezza malata. Nel test energetico 60/50/90/40 (valori percentuali delle quattro scale: vitale, emozionale, mentale e causale). Questi valori, relativamente cattivi, li misuro dopo una dimora di sei settimane nella nota clinica psicosomatica (v.ill.3).

Illustrazione 3: quattro livelli energetici del paziente M.R.

Lo stesso paziente dichiara che in sostanza non si sente per nulla meglio, oppure in precedenza ha avuto ancora peggiori (che purtroppo non ho misurato), oppure la dimora presso la clinica in effetti nulla ha cambiato nella problematica. Come preparato emozionale 26 („bramosia di qualche cosa che non si possiede“) con valori 100/10/20/100. Non è possibile pensare ad un conflitto più forte, quasi regolare (100% causale), del quale e' stato quasi completamente incosciente (20%). Dopo l’assunzione di tre settimane del preparato emozionale 26, con i mezzi chakra 6, informa d'avere una fame intrattenibile „da lupo“. L’istinto per gli acquisti è scomparso, ma ora invece può mangiare giorno e notte. Gli spiego il regresso dell’istinto d'acquisto d'alimenti e della bramosia segreta dell’amore che si nasconde dietro a ciò. I medicamenti dimostrano la bramosia nascosta del paziente verso „l’amore tangibile, duraturo“ e verso il favore. Il paziente da impressione d'essere meno perseguitato e distratto, di quanto non l'era tre settimane prima, emozionalmente è più espressivo ed aperto e più rivolto verso la propria vita psichica.
Inquietudine psichica
Il paziente H.M., 42 anni d'età, la Signora è autonoma negli affari, per motivo di preoccupazioni finanziarie e nuovi piani di lavoro, è soggetta a pensieri giorno e notte, cose queste che le compromettono il sonno notturno. L’esaurimento nervoso provocato da ciò non migliora con l’uso di nessun preparato tranquillizzante, alcool, esercitazioni, rilassamento. Si sente come in macchina. Dopo l’assunzione del preparato emozionale 22 (“inquietudine psichica“), stando alle sue parole, dorme „come un angelo“ e grazie alle nuove forze è in grado di prendere decisioni indispensabili che in precedenza, a causa del proprio esaurimento, non era in grado di prendere. Il preparato emozionale 22 , l'attestiamo spesso - – sarà probabilmente l’espressione della nostra moderna vita soggetta agli stress.Insensibilità dopo la morte del figlio
Ad un'albergatrice di 52 anni d'età, due anni fa, è morto il figlio. Si lamenta su dolori nel dorso, piedi freddi, che non si possono riscaldare neanche in seguito a movimento, dolori nella nuca con riflessi nella spalla destra e attacchi d'infezioni. Saltuari mancanza della mestruazione, nel periodo premestruale, la eccitano rendendola irritabile ed aggressiva. Durante il test con l’apparecchio Reba C 30/20/90/10 come valori generali (valore emozionale 20% - estremamente bloccata) estremamente corrisponde il preparato emozionale 17 („insensibilità“) con 100/100/0/100.La sensazione dell'insensibilità le è conosciuta, come vengo a saperlo, dopo che le comunico i resultati del test. Frequente tensione (pressione) nel torace con tensione nella gola. Quale sintomatica superficiale („nascosta“) delle erbe medicinali 24 (sensazione d'impegni, esagerata autodisciplina). Capisce anche questo. Persona misteriosa che da l’impressione d'essere onorata e che comanda da militare con se stessa, s'irradia sempre quando fa qualche cosa che la rilassa (yoga, passeggiate), ma frequentemente tralascia questo a causa della sensazione d'obbligo. Invece, non comprende che queste manovre dovranno eliminare quella sensazione molto peggiore, l’insensibilità – e ciò in fondo non ci sorprenderà, quando esiste l’assoluta mancanza della coscienza del conflitto psichico (0%). Alcune settimane dopo l’assunzione del preparato emozionale 17 è scomparsa la depressione , cosa che si spiega con la reazione ritardata del dolore,essa si sente nuovamente bene e le mani ed piedi le sono nuovamente caldi. Insufficiente presenza di spirito (calma)
La paziente K.F. spesso si sente debole, pallida, stanca e come se dovrebbe subito perdere i sensi ma questi stati durano pochissimo. Si lamenta, poi, d'avere le mani fredde e tensione negli occhi, oltre che dolori nella nuca. Prende il preparato Chavita 7 ed il preparato emozionale 27 („non avere il desiderio di vedere la realtà“), cosa questa che, secondo le sue parole, risponde molto alla sensazione „dell’abbandono“, che di frequente la prende, quando è in grado di passare ore intere nell'esaltazione simile al morto. Poco tempo dopo l’assunzione dei medicamenti la paziente è rimasta incinta e in questo modo „è scesa“ ancora più basso, dopo che per anni interi ha sofferto per essere senza prole. Secondo la mia esperienza le disarmonie energetiche spesso influiscono in modo sostanziale sull'infertilità. Oltre a ciò, la paziente da l’impressione d'essere più tranquilla, ha una tinta rosea e si sente „come neonata“.

Riassunto


I problemi psicosomatici nella prassi medica hanno due grandi difetti: sono invisibili e per questa ragione il medico e il paziente li possono definire con difficoltà e, inoltre, con molta difficoltà si può condurre la terapia. Numerose malattie psichiche, come ad esempio, le evidenti depressioni che inoltre hanno prognosi più cattiva di quanto le abbiano i carcinomi. Inoltre, nella cura naturale condotta fino ad ora sui detti disturbi, esiste un grande vuoto, sia in merito alla determinazione delle diagnosi, che in merito alla terapia – tali disturbi vengono curati tradizionalmente mediante la psicoterapia e con psico–medicamenti in modo che i metodi energetici e naturali offrono poche alternative.Per mezzo dei nuovi preparati emozionali, su base omeopatica, secondo la mia esperienza, esiste una possibilità molto migliore di quella esistita sinora, per accorciare il decorso della cura mediante aggiunta di queste ampolle energetiche medicinali. Anche la resistenza psichica e la cronicità si spezzano – la distanza verso i propri problemi psichici del paziente diventa maggiore ed egli con maggiore facilità accetta di lavorare sui propri conflitti profondamente radicati. Nei casi meno gravi la sintomatica viene alleviata e numerosi problemi psicosomatici vengono eliminati velocemente – senza spostamento dei sintomi o manovre recondite.La novità successiva nel campo diagnostico è la misurazione dei livelli energetici, con cui i conflitti psichici diventano misurabili. Questo metodo di misurazione può portare, su sentieri più lunghi, una rivoluzione nella psicosomatica, perché ora, con l’apparecchio a raggi si può vedere „dove sta il problema“ e cosa sta succedendo nella procedura di cura. Nonostante la soggettività di tali test energetici, a mio avviso, un buon test può scoprire molto presto quanto contribuiscono determinati metodi psichici in determinate malattie psicosomatiche – quindi migliori selezioni nella giungla degli apparecchi terapeutici. Anche presso ogni paziente, il terapeutico può, – sia che si tratti di maestro dello yoga, allenatore nel training autogeno, o d 'altro metodo di rilassamento, lo psicoterapeutico, psichiatra, medico che svolge le cure con metodo naturale, o medico che ha appena incominciato a lavorare – senza riguardo al metodo che usa, per la prima volta, seguire quello che si nasconde e si svolge al di sotto della superficie della sintomatica psicosomatica – come pure sta succedendo la durata lo svolgimento della cura.

Letteratura


Banis, R: Energetica psicosomatica
edizione Co’med, Casa editrice Co’med Sulzbach/Taunus 1988Banis, R: Chakre e loro importanza nella medicina energetica
Medicina sperimentale 11/1986Diamond, John: Forza medicamentosa delle emozioni
Casa editrice per la cinesiologia applicata Freiburg/Brsg 1994


Indirizzo dell’autore

Dr.Med.Reimar Banis
Grossmatt3   CH 6052 Hergiswil
Svizzera

Altre informazioni:
Rubimed AG
Grossmatt 3
CH 6052 Hergiswil